Crea sito

Quali sono i sintomi della malattia di Crohn?

Molte persone hanno crampi allo stomaco e soffrono di diarrea o stitichezza. Quindi, a volte,  non si presta attenzione a questi sintomi, che possono essere facilmente confusi con “fastidi” quotidiani e non riconducibili a malattie più gravi.

Eppure, questi sentori non devono essere presi sotto gamma, perchè c’è la possibilità che si possa avere la malattia di Crohn.

Ben 700.000 americani soffrono di questa patologia e sebbene non ci sia cura, estistono trattamenti per gestirlo.

Sintomi

  • Diarrea
  • Mal di stomaco
  • Perdita di peso
  • Sanguinamento dal tuo retto
  • Stipsi
  • Fatica
  • Nausea
  • Febbre
  • Necessità improvvisa e frequente di andare in bagno

 

Ma è anche vero, che potresti non sentire questi sintomi.

La malattia colpisce le persone in modi diversi. I sintomi possono essere lievi, moderati o gravi. Nel peggiore dei casi, il Crohn può causare gravi complicazioni.

COMPLICAZIONI

I casi più gravi di Crohn possono causare:

  • Lacrime dolorose chiamate fessure nel rivestimento dell’ano, soprattutto durante i movimenti intestinali;
  • Fistole (passaggi che si formano tra loops dell’intestino o tra l’ intestino e la vagina , la pelle o la vescica);
  • Ispessimento delle pareti dell’intestino, che rende difficile il cibo e lo spreco di muoversi;
  • Un intestino parzialmente o totalmente bloccato, per il quale avresti bisogno di cure mediche subito;
  • Ferite aperte chiamati ulcere nell’intestino, bocca o ano;
  • Malnutrizione, poiché il tuo corpo non è in grado di assorbire abbastanza nutrienti dal cibo;
  • Dolore, gonfiore e bruciore in altre parti del corpo, come pelle, occhi o articolazioni.

La confusione di Crohn

La malattia di Crohn è spesso confusa con un’altra condizione chiamata colite ulcerosa.

I sintomi sono simili ed entrambi comportano periodi di riacutizzazioni attive, seguiti da momenti in cui non si hanno sintomi, fase chiamata remissione .

L’unico modo per scoprire se si ha il Crohn o la Colite Ulcerosa è di consultare il proprio medico per i test.

Comments

comments

You May Also Like