Crea sito

Netrina : proteina chiave aumenta la memoria, imparando nel cervello adulto

I cambiamenti sinaptici sono alla base della memoria, dell’apprendimento

Fu la pubblicazione nel 1957 di un articolo rivoluzionario di Brenda Milner, che completò un dottorato al Neuro sotto la supervisione di Hebb , che introdusse l’idea che l’ippocampo del cervello svolgesse un ruolo cruciale in alcuni tipi di memoria e apprendimento.

“Se lo si riduce ad una molecola”, continua Kennedy, “il rilascio regolato di netrina è essenziale per il tipo di cambiamenti sinaptici che sono alla base dei cambiamenti nel neurone coinvolti nell’apprendimento e nella memoria, che era quello che Milner era parlare di.”

Lui e i suoi colleghi hanno anche osservato che, per rafforzare le sinapsi, la netrina deve essere rilasciata nello “spazio extracellulare”.

Ciò ha fatto sì che si chiedessero quali ulteriori opportunità di interagire con altri neuroni che questo potrebbe fornire.

Studi genetici hanno implicato il coinvolgimento della netrina in malattie che distruggono il tessuto cerebrale, tra cui la sclerosi laterale amiotrofica , il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer . Tuttavia, questi non hanno identificato alcun meccanismo sottostante.

‘Obiettivo precedentemente non scoperto’

Nel complesso, il lavoro avanza notevolmente la nostra comprensione di come il cervello forma e immagazzina i ricordi, dice il team.

Inoltre “offre un nuovo obiettivo, precedentemente sconosciuto, per le malattie che influiscono sulla funzione della memoria”, afferma l’autore dello studio principale Stephen Glasgow, ricercatore associato presso The Neuro.

Il dott. Kennedy suggerisce che un modo ideale per preservare la funzione della memoria sarebbe avere farmaci che mirano l’attività molecolare alle sinapsi.

Recenti studi sul cervello adulto hanno scoperto molte connessioni sinaptiche inattive. Non c’è niente di sbagliato in loro – sono semplicemente “spenti, come le lampadine”, spiega.

Egli ipotizza che potrebbe esserci “un serbatoio di sinapsi che può essere usato per cambiare la forza delle connessioni tra i neuroni”.

Se questo dovesse essere il caso, lui ei suoi colleghi credono di aver “trovato un meccanismo molecolare per attivare quelle sinapsi”.

Con queste idee in mente, ora progettano di scoprire cosa succede ai neuroni quando li forniscono o li privano della netrina.

Comments

comments

You May Also Like