Crea sito

Netrina : proteina chiave aumenta la memoria, imparando nel cervello adulto

Una proteina che svolge un ruolo chiave nello sviluppo neurale precoce è anche essenziale per l’apprendimento e la memoria nel cervello adulto.
proteina netrina cervello adulto

La proteina, chiamata netrina, rafforza le connessioni tra le cellule cerebrali.

Questo è secondo una recente ricerca condotta dal Montreal Neurological Institute and Hospital (The Neuro), un istituto di insegnamento e ricerca della McGill University in Canada.

Gli scienziati sapevano già che la netrina è essenziale per lo sviluppo del cervello embrionale e infantile, dove aiuta a creare connessioni tra cellule cerebrali o neuroni.

La recente ricerca rivela che la proteina rafforza anche quelle connessioni neurali, o sinapsi, nell’ippocampo del cervello adulto, un’area che è coinvolta nella memoria e nell’apprendimento.

La rivista Cell Reports ha recentemente pubblicato un documento sullo studio, che il team ha condotto su cellule provenienti da cervelli di ratto in via di sviluppo e adulti.

“Era un mistero”, commenta l’autore dello studio senior Dr. Timothy E. Kennedy, che gestisce un laboratorio di ricerca al Neuro, “perché i neuroni continuerebbero a fare la netrina nel cervello adulto dopo che tutte le connessioni erano già state fatte nell’infanzia”.

Chiave molecolare per il rafforzamento della sinapsi

Secondo il dott. Kennedy, gli scienziati hanno visto che un neurone rilascia netrina quando diventa attiva. La proteina rafforza la connessione a un neurone vicino segnalando ai due neuroni di “rendere più forte la sinapsi”.

Il recente studio segue una lunga serie di lavori iniziati quasi 7 decenni fa quando Donald Hebb, professore di psicologia alla McGill University, ha proposto le sue idee su come il cervello impara e crea ricordi.

Ciò che in seguito acquistò il titolo Teoria hebbiana, le sue idee miravano a spiegare come i circuiti neurali si sviluppano come risultato dell’esperienza.

Hebb sosteneva che la forza o la debolezza delle connessioni sinaptiche dipendono dalla frequenza con cui vengono utilizzate: più sono utilizzate, più diventano forti e veloci.

Nel suo libro del 1949 The Organization of Behavior: A Neuropsychological Theory , descrisse come immaginava il processo di rafforzamento delle sinapsi. Quando un neurone è abbastanza vicino a un altro e continua a sparare, “alcuni processi di crescita o cambiamenti metabolici avvengono in una o entrambe le cellule”.

“Stiamo dicendo,” spiega il dottor Kennedy, “che questo nuovo meccanismo molecolare, che abbiamo scoperto 69 anni dopo, è centrale in questa teoria.”

Continua a leggere ➡

Comments

comments

You May Also Like