Crea sito

Potenziale nuova terapia per il Morbo di Crohn

Lo studio sui geni condotto da Kaiko e Stappenbeck

Per trovare geni che giocano un ruolo nell’ IBD attraverso percorsi non infiammatori, Kaiko, Stappenbeck e colleghi hanno analizzato 1.800 biopsie intestinali da 14 set di dati IBD indipendenti e pubblicamente disponibili. Le biopsie provenivano da studi diversi, confrontando in vario modo le persone con IBD con persone sane; campioni prelevati da parti infiammate e inalterate dell’intestino; o persone con casi lievi, moderati e gravi di IBD.

Questa analisi ha rivelato che un gruppo di geni correlati alla coagulazione del sangue sono attivati ​​nell’IBD. La scoperta si adatta alla lunga osservazione che le persone con IBD sono due o tre volte più probabili della popolazione generale a sviluppare problemi di coaguli di sangue, con il rischio particolarmente alto durante una riacutizzazione.

Con l’aiuto della co-autrice Jacqueline Perrigoue, PhD e i colleghi di Janssen Research & Development, i ricercatori hanno ridotto la lista dei geni a pochi che hanno svolto un ruolo in entrambe le cellule infiammatorie ed epiteliali. Uno in particolare spiccava: un gene chiamato SERPINE-1. Questo gene e la sua proteina corrispondente sono stati trovati ad alti livelli nelle parti infiammate dell’intestino nei pazienti con IBD. Entrambi sono anche coinvolti in una fase iniziale del processo di coagulazione del sangue, ma non erano stati precedentemente associati all’infiammazione.

Per verificare il ruolo del gene e della sua proteina nell’infiammazione intestinale, i ricercatori hanno fornito ai topi una sostanza chimica che causa un’infiammazione intestinale simile all’IBD o una sostanza chimica innocua per il confronto. I topi che hanno ricevuto la sostanza chimica dannosa hanno perso peso, il loro intestino ha mostrato segni di ferita con molte cellule e proteine ​​infiammatorie e il gene SERPINE-1 è stato espresso sei volte più alto rispetto ai topi che hanno ricevuto la sostanza chimica innocua.

Quando i topi con sintomi simil-IBD erano trattati con un composto chiamato MDI-2268 che bloccava l’attività della proteina, andavano molto meglio. Hanno perso meno peso e il loro intestino ha mostrato meno distruzione e infiammazione rispetto ai topi trattati con un placebo. Il composto è stato sviluppato da Daniel A. Lawrence, PhD, dell’Università del Michigan.

“La cosa più eccitante qui è che SERPINE-1 e la sua proteina sembrano essere più altamente espressi nelle persone con la malattia più grave e quelli che non rispondono ai biologici immunosoppressori”, ha detto Stappenbeck. “Nessuno ha mai pensato di prendere di mira qualcosa di simile, ma qui abbiamo trovato qualcosa che potrebbe aiutare molte persone con IBD, specialmente quelle che non beneficiano molto delle terapie attuali”.

Comments

comments

You May Also Like