Crea sito

Possibili obiettivi per affrontare la malattia di Crohn

La malattia di Crohn è una condizione permanente che vede infiammate parti del sistema digestivo. Non esiste una cura precisa e si ritiene che le cause varino. Ma un indicatore della condizione – una reazione anormale del sistema immunitario a determinati batteri nell’intestino – è stato rivelato grazie agli scienziati dell’Università di Plymouth.

virus batteri buoni

La ricerca si è concentrata su diversi tipi di cellule chiamate macrofagi, che fanno parte del nostro sistema immunitario e si trovano nella maggior parte dei tessuti, dove pattugliano potenziali organismi nocivi e li distruggono.

Nelle malattie infiammatorie, come quella di Crohn, i macrofagi mediano la distruzione infiammatoria dell’intestino. Il modo in cui il tessuto reagisce (infiammazione o soppressione) dipende dal tipo di cellule macrofagiche presenti e dal modo in cui viene stimolato, e gli scienziati hanno cercato di approfondire questo aspetto.

La nuova ricerca ha mostrato come diversi tipi di macrofagi – un tipo pro-infiammatorio e l’altro anti-infiammatorio – esibiscano meccanismi molecolari molto diversi coinvolti nello spegnimento del loro comportamento funzionale quando i batteri sono presenti.

Questa differenza, come spiega l’autore dello studio Dr Andrew Foey, mette in evidenza la possibilità di prendere di mira e di sopprimere selettivamente le cellule proinfiammatorie che causano malattie come la malattia di Crohn.

“Questo piccolo passo nella comprensione della differenziazione off-signaling del tipo di macrofagi può andare di pari passo con la comprensione della presentazione recidivante / remittente della malattia di Crohn”, ha detto. “È indicativo di futuri sforzi di ricerca nel mirare le risposte dei macrofagi nel trattamento delle malattie infiammatorie – ed è un passo davvero positivo”.

Lo studio completo, dal titolo ‘Macrophage subsets exhibit distinct E. coli-LPS tolerisable cytokines associated with the negative regulators, IRAK-M and Tollip’ è disponibile per la visualizzazione nella rivista PLOS ONE .

La ricerca è stata condotta dal Dr Andrew Foey con il Dr Khalid AlShaghdali e la dottoressa Barbara Durante della School of Biomedical Sciences presso l’Università di Plymouth, in collaborazione con la Dott.ssa Jane Beal, della Scuola di Scienze Biologiche e Marine.

L’infezione, l’immunità e l’infiammazione sono uno dei temi chiave di ricerca nell’Istituto di medicina traslazionale e stratificata (ITSMed) dell’Università di Plymouth.

Il lavoro è stato finanziato da University of Hail, nel Regno dell’Arabia Saudita.

Comments

comments

You May Also Like