Crea sito

Nuova scoperta sulle malattie infiammatorie intestinali.

sperimentazione clinica dei farmaci - nuova scoperta sulle malattie infiammatorie

Un nuovo studio ha portato a una nuova scoperta sulle malattie infiammatorie intestinali.

I risultati di uno studio sulla malattia di Crohn, guidati dal Dottor William G. Kerr, della SUNY Upstate Medical University e dai suoi collaboratori presso il Centro medico Erasmus nei Paesi Bassi, fornisce la prima prova che nei pazienti con debilitanti malattie infiammatorie intestinali mancano quantità sufficienti di una proteina che viene dal gene SHIP1.

Attualmente non esiste alcuna cura per la malattia intestinale infiammatoria (IBD). Questo risultato potrebbe aiutare i medici a determinare come trattare i pazienti con malattia di Crohn, una malattia infiammatoria intestinale. Una semplice analisi del sangue che rileva il livello della proteina SHIP1, può dire ai medici se avere un atteggiamento attendista, rispetto ad un approccio aggressivo verso il trattamento.

I risultati forniscono inoltre un marcatore biologico per la malattia, che potrebbe eventualmente portare ad un intervento precedente prima che la malattia si manifesti.

Un estratto dello studio “Analisi dell’espressione e dell’attività della SHIP1, nella malattia di Crohn”, è stato pubblicato il 2 agosto su PLOS One , una rivista scientifica pubblicata dalla Public Library of Science (PLOS) .

Kerr ha scoperto il legame tra la carenza di SHIP1 e la malattia di Crohn nel 2011. Il passo successivo per lui e i suoi colleghi è quello di indagare ulteriormente, perché l’espressione del gene SHIP è alterata nella malattia di Crohn.

“Abbiamo seguito un maggiore gruppo di individui con la malattia di Crohn nel nostro secondo studio e abbiamo nuovamente trovato che l’espressione SHIP1 è assente o drasticamente ridottanel gruppo di pazienti affetti da Morbo di Crohn e Rettocolite Ulcerosa”, ha affermato Kerr, “Stiamo concentrando i nostri sforzi per determinare la base molecolare e genetica di questo difetto”

Egli ha affermato che, una volta che i ricercatori ottengono una migliore comprensione di questo problema con l’espressione SHIP 1 nei pazienti affetti da IBD, allora cercheranno di modellare potenziali trattamenti per questi pazienti mediante l’utilizzo di piccole molecole che possono aumentare l’attività SHIP1 in questi pazienti ai livelli che siano vantaggiosi e potrebbero prevenire l’infiammazione gastrointestinale.

Il gruppo di Kerr, in collaborazione con il dottor John Chisholm, ha recentemente scoperto una molecola, chiamata agonista SHIP1.

Lo studio di Kerr nella malattia di Crohn è stato catalizzato nel 2011 dalla sua ricerca che la mutazione di SHIP1 nei topi ha innescato la malattia simile al Crohn nell’intestino tenue dei topi mutanti. Lui e il suo team hanno quindi sviluppato test specifici per vedere se questi risultati sono stati tradotti anche negli esseri umani.

Crohn e Colite Ulcerosa sono malattie debilitanti che appartengono a un gruppo di condizioni note come malattie intestinali infiammatorie. La malattia di Crohn è una condizione infiammatoria cronica del tratto gastrointestinale. I sintomi includono dolore addominale, febbre, stanchezza, nausea e diarrea cronica. I trattamenti attuali per la malattia di Crohn, come gli steroidi, aiutano a bloccare il processo infiammatorio, alleviare i sintomi e ad evitare l’intervento chirurgico.

Comments

comments

You May Also Like