Crea sito

Nuova imaging PET identifica in modo non invasivo l’infiammazione della colite

Un nuovo metodo di imaging PET ovvero una tomografia ad emissione di positroni (PET) promette di individuare in modo non invasivo i siti di infiammazione nelle persone con malattia infiammatoria intestinale (IBD), che include la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. Lo studio dell’Università della California a Los Angeles (UCLA) è stato pubblicato nel numero di giugno di The Journal of Nuclear Medicine .

imaging PET tomografia positroni

I Centri statunitensi per il controllo delle malattie affermano che circa tre milioni di americani hanno riferito di essere stati diagnosticati con IBD nel 2015 (dati più recenti). Gestire i pazienti con infiammazione cronica dell’intestino può essere difficile, basandosi su sintomi e procedure invasive come la colonscopia e la biopsia.

In un modello murino di colite, questo studio utilizza l’ imaging PET con sonde di frammento di anticorpi (immunoPET) per indirizzare un sottogruppo specifico di cellule immunitarie, le cellule T CD4 +, che sono caratteristiche di IBD.

“ImmunoPET CD4 potrebbe fornire un mezzo non invasivo per rilevare e localizzare i siti di infiammazione nell’intestino e fornire anche una guida visiva per le biopsie, se necessario”, spiega la dottoressa Anna M. Wu, professoressa di Farmacologia Molecolare e Medica presso l’UCLA e direttrice dell’UCLA.

Aggiunge, “La valutazione dell’infiltrazione di CD4 potrebbe anche fornire un mezzo per rilevare la malattia subclinica, prima che si verifichino i sintomi, e fornire una lettura sull’efficacia degli interventi terapeutici”.

Lo studio

Un frammento di anticorpo anti-CD4 marcato con zirconio-89 ( 89Zr) [GK1,5 cDb] è stato utilizzato per l’imaging non invasivo della distribuzione di cellule T CD4 + nei topi con colite indotta e ha rilevato con successo cellule T CD4 + nel colon, ceca e linfonodi mesenterici. Lo studio dimostra che immunoPET CD4 di IBD garantisce ulteriori indagini e ha il potenziale per guidare lo sviluppo di imaging basato sugli anticorpi nell’uomo con IBD.

La scoperta che potrebbe essere applicata in molti ambiti

Wu sottolinea che la capacità di visualizzare direttamente le risposte immunitarie potrebbe avere ampie applicazioni, dicendo: “Potrebbe sbloccare la nostra capacità di valutare l’infiammazione in un ampio spettro di aree di malattia, tra cui oncologia e immuno-oncologia, autoimmunità, malattie cardiovascolari, neuroinfiammazione e altro ancora ImmunoPET è una piattaforma robusta e generale per la visualizzazione di bersagli molecolari altamente specifici. “

Per i pazienti sarebbe una fantastica notizia. Meno esami invasivi significa per lo meno una convivenza con la malattia più serena.

Comments

comments

You May Also Like