Crea sito

L’endoscopia fotoacustica potrebbe migliorare il trattamento della malattia di Crohn

Un endoscopio di recente sviluppo potrebbe dare ai medici una visione migliore dei cambiamenti intestinali causati dalla malattia di Crohn. Queste informazioni aggiuntive contribuirebbero a migliorare il trattamento della forma dolorosa e debilitante della malattia infiammatoria intestinale.

colonscopia , endoscopia

Ricercatori dell’Università del Michigan descrivono il nuovo dispositivo nella rivista The Optical Society (OSA) Biomedical Optics Express . L’endoscopio viene utilizzato per l’imaging fotoacustico, un metodo di imaging biomedico relativamente nuovo che utilizza la luce per produrre onde sonore in tessuto che possono essere catturate con l’imaging a ultrasuoni.

“Questa nuova tecnologia di imaging potrebbe aiutare a pianificare in modo più accurato la terapia per ciascun paziente affetto da malattia di Crohn”, ha affermato Guan Xu, leader del gruppo di ricerca. “Ciò consentirebbe un trattamento più mirato e contribuire a ridurre al minimo gli effetti avversi che potrebbero derivare dal trattamento”.

Prendere decisioni terapeutiche

Nella malattia di Crohn, sia l’infiammazione che la fibrosi causano lo sviluppo di stenosi – aree di restringimento – nell’intestino. Sebbene le stenosi causate dall’infiammazione possano essere trattate con farmaci, quelle causate dalla fibrosi devono essere rimosse chirurgicamente.

“Attualmente non esiste una modalità di imaging che possa essere utilizzata nell’intestino per distinguere l’infiammazione dalla fibrosi”, ha affermato Xu. “La difficoltà di valutare con precisione la presenza e lo sviluppo di fibrosi nelle stenosi aggiunge una grande complessità alle decisioni di gestione della malattia di Crohn “.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno sviluppato un endoscopio di imaging fotoacustico a forma di capsula per esaminare se questa tecnica di imaging potesse essere utilizzata per caratterizzare l’infiammazione e la fibrosi nelle stenosi intestinali. La sonda a forma di capsula era di 7 millimetri di diametro e 19 millimetri di lunghezza.

Hanno progettato l’endoscopio per fornire una luce vicino all’infrarosso a 1310 nanometri perché questa lunghezza d’onda viene assorbita dalla proteina del collagene, che è caratteristica della fibrosi. L’assorbimento della luce fa sì che la proteina si espanda leggermente, portando a una vibrazione meccanica che può essere catturata utilizzando l’imaging ecografico. Per generare un segnale forte, i ricercatori hanno costruito l’endoscopio per massimizzare la fornitura di luce a 1310 nanometri.

Distinguere l’infiammazione e la fibrosi

I ricercatori hanno testato il loro nuovo endoscopio in modelli di coniglio con restringimento intestinale causato da sola infiammazione o da una combinazione di fibrosi e infiammazione. Gli esperimenti hanno dimostrato che l’approccio di imaging fotoacustico endoscopico potrebbe differenziare quantitativamente le stenosi infiammatorie da intestino fibrotico. Un altro studio sui conigli ha dimostrato che l’endoscopio potrebbe anche quantificare lo sviluppo della fibrosi nel tempo.

“Il metodo che abbiamo dimostrato è minimamente invasivo e può valutare direttamente la fibrosi nella stenosi intestinale, che non è stata dimostrata dalle modalità di imaging mediche convenzionali”, ha detto Xu.

I ricercatori stanno ora lavorando per rendere l’endoscopio abbastanza piccolo da passare attraverso il canale dello strumento di un colonscopio, uno strumento flessibile in fibra ottica utilizzato per esaminare l’intestino crasso. Questo potrebbe fornire ad un chirurgo le informazioni diagnostiche immediatamente prima del trattamento senza la necessità di ulteriori procedure.

Comments

comments

You May Also Like