Crea sito

La cura per le Malattie croniche intestinali, nuovo studio sulla bocca.

Mentre molte persone rimandano i loro viaggi regolari dal dentista, recenti ricerche hanno dimostrato che le conseguenze di ciò possono influenzare negativamente anche il resto dell’ organismo. Dalle malattie cardiache al diabete, una cattiva salute orale è spesso un riflesso della salute generale di una persona e può persino essere la causa di malattie sistemiche.

saalute orale , bocca , denti, gola

Un nuovo studio collaborativo della UM Medical and Dental Schools rivela che la malattia infiammatoria intestinale (IBD), che include il morbo di Crohn e la colite ulcerosa e affligge circa 3 milioni di adulti negli Stati Uniti, potrebbe essere aggravata dalla cattiva igiene e condizione orale.

Nobuhiko Kamada, Ph.D., assistente professore di medicina interna nella divisione di gastroenterologia, studia da anni il microbioma intestinale, la raccolta di batteri normalmente presenti nell’intestino. Ha notato, durante delle ricerche, una crescita eccessiva di specie batteriche estranee nell’intestino delle persone con IBD – batteri che si trovano normalmente nella bocca. “Ho deciso di rivolgermi alla scuola odontoiatrica per porre la domanda, le malattie orali possono influire sulla gravità delle malattie gastrointestinali?” dice Kamada.

Il nuovo studio sui topi, pubblicato su Cell , mostra due percorsi attraverso i quali i batteri orali sembrano peggiorare l’infiammazione intestinale.

Nella prima via, la parodontite, il nome scientifico della malattia gengivale, porta a uno squilibrio nel normale microbioma sano che si trova nella bocca, con un aumento dei batteri che causano l’infiammazione. Questi batteri patogeni viaggiano quindi nell’intestino.

Tuttavia, questo da solo potrebbe non essere sufficiente per innescare l’infiammazione intestinale. Il team ha dimostrato che i batteri orali possono aggravare l’infiammazione intestinale osservando i cambiamenti del microbioma nei topi con due punti infiammati.

“Il normale microbioma intestinale resiste alla colonizzazione da parte di batteri esogeni o estranei”, afferma Kamada. “Tuttavia, nei topi con IBD, i batteri intestinali sani vengono distrutti, indebolendo la loro capacità di resistere ai batteri patogeni dalla bocca”. Il team ha scoperto che i topi con infiammazione sia orale che intestinale avevano una perdita di peso significativamente aumentata e una maggiore attività della malattia.

Nella seconda via proposta, la parodontite attiva le cellule T del sistema immunitario in bocca. Queste cellule T della bocca viaggiano nell’intestino dove anche loro esacerbano l’infiammazione. Il normale microbioma dell’intestino è mantenuto in equilibrio dall’azione dei linfociti T infiammatori e regolatori che vengono messi a punto per tollerare i batteri residenti. Ma, dice Kamada, l’infiammazione orale genera principalmente cellule T infiammatorie che migrano nell’intestino, dove, rimosse dal loro ambiente normale, finiscono per innescare la risposta immunitaria dell’intestino, peggiorando la malattia.

“Questa esacerbazione dell’infiammazione intestinale guidata da organismi orali che migrano nell’intestino ha importanti ramificazioni nell’enfatizzare ai pazienti la necessità critica di promuovere la salute orale come parte della salute e del benessere totale del corpo”, afferma il coautore William Giannobile, DDS, il William K e Mary Anne Najjar professore di odontoiatria e presidente del dipartimento di parodontologia e medicina orale presso la UM School of Dentistry.

Lo studio ha implicazioni per nuovi trattamenti per l’IBD, necessari perché “troppi pazienti ancora falliscono i farmaci, portando a una ridotta qualità della vita e all’eventuale intervento chirurgico”, afferma il coautore dello studio Shrinivas Bishu, MD, assistente professore di gastroenterologia. “Questo studio implica in modo importante che i risultati clinici nell’IBD possono essere migliorati monitorando l’infiammazione orale – un concetto intrigante”.

 

Fonte :  Michigan Medicine – University of Michigan 

Comments

comments

You May Also Like