Crea sito

I pazienti più anziani con malattia di Crohn beneficiano dei nuovi farmaci

La combinazione di farmaci che sopprimono il sistema immunitario ha avuto successo nel trattamento di pazienti giovani affetti da morbo di Crohn, ma alcuni medici sono stati riluttanti a usare questa strategia nei pazienti più anziani a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza. Ora uno studio di farmacologia e terapia alimentare indica che i pazienti più anziani possono essere trattati in modo sicuro ed efficace con tale immunosoppressione combinata.

farmaco, medicinali, pillole

Tra i 1.981 pazienti nello studio, 311 avevano un’età di 60 anni o più (173 randomizzati a immunosoppressione combinata precoce e 138 a gestione convenzionale). Più di 24 mesi, il 10% dei pazienti più anziani ha sviluppato complicanze correlate alla malattia di Crohn (il 6,4% di quelli nel gruppo immunosoppressore combinato contro il 14,5% di quelli del gruppo di controllo convenzionale) e 14 pazienti sono morti (3,5% rispetto al 5,8%).

Tra i pazienti che hanno ricevuto immunosoppressione combinata nello studio, i pazienti più anziani hanno sperimentato la remissione della loro malattia in misura simile a quelli di età inferiore ai 60 anni. Non è stato inoltre osservato un aumento degli effetti collaterali di questi medicinali nei pazienti più anziani.

“È importante trattare il morbo di Crohn in modo appropriato, indipendentemente dall’età”, ha detto l’autore principale Dr. Siddharth Singh, dell’Università della California a San Diego. “Questo può includere la terapia di combinazione precoce step-up di antagonisti del fattore-alfa di necrosi tumorale con tiopurine, che è efficace e sicura anche nei pazienti più anziani, piuttosto che trattare questi pazienti con cicli cronici o ripetuti di corticosteroidi”.

 

Comments

comments

You May Also Like