Crea sito

Colite Ulcerosa : Vitamina D legata al rischio di ricaduta in remissione

Nuove scoperte hanno evidenziato come bassi livelli sierici di vitamina D durante i periodi di remissione clinica aumentano il rischio di recidiva in pazienti con colite ulcerosa.

I risultati indicano che i pazienti con Colite ulcerosa devono essere attentamente monitorati per i livelli di vitamina D, e sostengono la necessità di supplementi in terapia di mantenimento, se necessario.

colite ulcerosa vitamina D - vitamine - vitamina C - Vitamina B12Lo studio

Lo studio, “Low Serum Vitamin D During Remission Increases Risk of Clinical Relapse in Patients With Ulcerative Colitis“, è stato pubblicato sulla rivista Clinical Gastroenterology e Hepatology .

“Abbiamo dimostrato che i livelli di vitamina D sono associati sia alla remissione clinica della malattia, e sono associati in modo indipendente al rischio longitudinale della ricaduta clinica,” Parole di John Gubatan e i colleghi del Dipartimento di Medicina, Divisione di Gastroenterologia e epatologia al Beth Israel Deaconess e della Harvard Medical School di Boston, tratte da un comunicato stampa .

“Questi risultati suggeriscono che lo stato della vitamina D è legata non solo per la gravità della malattia in corso, ma ha anche un impatto sul futuro rischio di recidiva clinica”, ha aggiunto.

La colite ulcerosa (RCU) e la malattia di Crohn sono malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) che sono disturbi cronici del tratto gastrointestinale, che si ritengono il risultato di una complessa interazione tra fattori genetici, ambientali, del sistema immunitario, e microbiche.

Lo studio della vitamina D è stato legato alla gravità della malattia, ma il significato clinico di livelli bassi di vitamina D tra i pazienti RCU in remissione clinica è stato poco chiaro.

Gubatan e colleghi hanno condotto un’analisi prospettica di 70 pazienti con RCU in remissione clinica. Tutti i pazienti sono stati reclutati dopo una colonscopia di sorveglianza presso il Centro IBD al Beth Israel Deaconess.

Durante le procedure di colonscopia, campioni di siero sono stati raccolti, ed i livelli di 25-idrossi-vitamina D sono stati misurati utilizzando un dosaggio specifico. Tutti i pazienti sono stati seguiti per 12 mesi per valutare il tasso di recidiva clinica. Il sessanta per cento dei pazienti ha riportato l’assunzione di integratori di vitamina D.

I risultati

I ricercatori hanno scoperto che il livello di vitamina D al basale media era più bassa tra i pazienti che hanno avuto una recidiva durante i 12 mesi di follow-up che tra i pazienti che non l’ hanno avuta.

Un livello di vitamina D durante la remissione della malattia inferiore a 35 ng / ml era associato ad un rischio di recidiva clinica nell’arco di 12 mesi, il 20% dei pazienti con livelli di vitamina D pari o inferiori a 35 ng / ml al basale era ricaduto nella malattia, mentre il 9% dei pazienti con un livello di vitamina D che ha superato tale valore non ha avuto una ricaduta. Inoltre, un basso livello di vitamina D al basale era associata con incrementati endoscopica e istologica infiammazione.

Il livello sierico di vitamina D di 35 ng / mL o inferiore, ha avuto la sensibilità del 70% e una specificità del 74% nel predire il rischio di recidiva clinica.

“La vitamina D è un integratore a prezzi accessibili, e relativamente non tossico che può avere effetti protettivi nel mantenimento della remissione clinica in pazienti con colite ulcerosa”, hanno scritto. “Altri studi clinici di terapia con vitamina D per ottenere livelli di vitamina D al di sopra di questa soglia dovrebbero essere considerati per stabilire definitivamente il suo impatto nella malattia della colite ulcerosa.”

 

Comments

comments

You May Also Like